· 

Workflow per il fotografo sportivo

Il WORKFLOW fotografico

 

LA DIFFERENZA che contraddistigue il professionista dal fotoamatore è spesso la necessità di un flusso 'Flow' di lavoro 'Work' per finalizzare il lavoro durante la sessione di scatti.

Viviamo in un epoca in cui è necessario ottimizzare il proprio tempo ... sia per praticità che per esigenze professionali.


Il professionista è tra le righe 'obbligato' a provvedere velocemente a elaborare un risultato da inviare per la pubblicazione, l'ufficio stampa o chi sia il committente del lavoro.

L' amatore  invece spesso se ne ritorna a casa, al massimo scarica le memory card nel suo HD e inizia a guardare gli scatti in anteprima in media grandezza, spesso insoddisfatto rispetto a quanto vedeva attraverso il display della propria reflex ...
successivamente selezione qualche scatto da pubblicare nella pagina facebook, in 500px o in Juza e lascia nel dimenticatoio tutto il resto fino a una nuova fonte d'ispirazione
Risultato: tanti tanti GB di dati da cancellare dopo qualche anno o quando ci si troverà di fronte alla scelta se acquistare l'ennesimo hard disk o liberare spazio.

Consiglio ache agli amatori un buon workflow di lavoro, talvolta produrre risultati dentro la PARENTESI PRODUTTIVA può dare la possibilità anche a un amatore di farsi notare, al termine di quell'arco temporale in cui la foto ha un valore di attualità ogni possibilità di raccogliere qualcosa va drasticamente verso lo ZERO.


Ma andiamo all'aspetto pratico, il mio WORKFLOW è così strutturato:

  1.  SCATTO
  2.  SCARICO
  3.  ORGANIZZAZIONE
  4.  SELEZIONE
  5.  RITOCCO
  6.  ESPORTAZIONE

 

SCATTO

Generalmente in RAW, preferisco scattare meno e avere successivamente la possibilità di gestire gli scatti per un successivo editing commerciale, stampe etc etc ... non ho mai avuto problemi di rallentamenti in macchina utilizzando buone schede di memoria, personalmente utilizzo solo LEXAR che mi ha colpito anche per aver fornito un servizio di assistenza gratuito fuori garanzia.

 

SCARICO

Preferisco procedere al download delle schede di memoria direttamente in uno degli HD esterni che utilizzo

 

 

 

ORGANIZZAZIONE

Suddivisione dei file in cartelle :
EVENTO

GIORNO

MATTINA o POMERIGGIO

CATEGORIA

SESSIONE

 

per esempio:
MOTOGP/Venerdì/Pomeriggio/Moto3/ProveLibere2

 

 

SELEZIONE

Dopo aver provato tanti programmi utilizzo solo PHOTOMECHANIC

pe visualizzare gli scatti, selezionare quelli da portare al livello successivo in una cartella di sviluppo.

 

 

RITOCCO

Con Lightroom importo i file scelti in precedenza, dove serve procedo con un crop per eliminare elementi di disturbo, sincronizzo i files e apporto un minimo di chiarezza e Vividezza, e in caso di foto a ISO elevati un minimo di luminanza.

 

 

 

ESPORTAZIONE

Direttamente da ADOBE LightRoom esporto i files in una cartella specifica, rinominando i file in base a come sono stati organizzati in precedenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0