Gli inizi della mia attività

come fotografo di sport

15.09.2013  è quello che considero l'anno fotografico Zero.

Appassionato di fotografia da qualche tempo dopo aver visitato i primi blog e letto i primi libri mi ritrovo in auto con amici diretti verso il Misano World Circuit in occasione del gran premio di MotoGP 2013.

 

Devo premettere che ho sempre amato il mondo delle 2 e 4 ruote, seguo i GP di F1 da quando correvano piloti come Mansell, Senna, Patrese, Nannini .... la Superbike con gli avvincenti duelli tra 'The King' Fogarty e Colin Edwards ... la MotoGP prima con i miei amati piloti Wayne Rainey, Kevin Schwantz e Eddie Lawson, poi con giovani piloti come Cadalora, Capirossi e Biaggi che cercava di spodestare l'onnipotente Doohan; poi l'era di Valentino Rossi con i prati che si son progressivamente tinti di giallo.

Ma torniamo a quel settembre 2013 ... dal prato 2 di Misano ... le prime foto con la mia nuova Canon 5d MKIII abbinata a un 400mm 5.6 non stabilizzato, tutto a mano libera ... una giornata indimenticabile ma quasi tutte le foto da buttare. Mi è rimasto il ricordo di aver fatto dei panning di un pilota onesto, veloce e sempre a modo ... quello che vedete in cima alla pagina ... la foto non è perfetta ma non deve esserlo, mi fa emozionare ogni volta che la guardo ed è questo uno dei fini della 'fotografia' anche se spesso si è obbligati a far tanti 'scattini' per un lavoro o per un editore.

2014:  I miei primi ingressi in pista durante alcune gare del campionato World Superbike Series, GT Open, Ferrari challenge ... ogni occasione era buona per avere la possibilità di far esperienza, affinare la tecnica di scatto e capire come e cosa trasmettere. Ho girato ogni angolo del circuito di Monza, il Mugello, Imola, Misano .. e ho capito che girare senza avere un programma o un idea ben definita è spesso tempo perso ... mi sono messo davanti al Mac, visionato i tracciati in earth sia in 2 che in 3d, considerando gli orari degli eventi con l'orientamento della luce e ho evitato di trovarmi in evidenti controluce, in postazioni eccessivamente lunghe o dal contesto rovinato per esempio per uno sfondo inguardabile.

Non nego di aver visionato le foto di alcuni tra i migliori fotografi per capire cosa si può ottenere in determinati punti del tracciato, come si può comporre o rendere una foto particolarmente accattivante ... ma mi son limitato allo studio del materiale perche penso non ci sia cosa più sbagliata che imitare gli altri ... la fotografia è un arte e non un azione di imitazione del lavoro altrui. Se mancano gli stimoli e la voglia di fotografare è meglio starsene a casa che affrontare viaggi, trasferte, camminare dei km con zaini pesanti spesso sotto il sole o la pioggia per poi finire il lavoro a notte fonda in sala stampa.

2015/2016/2017:  Ho girato alcuni tra i più bei circuiti europei, Le Mans, Valencia, A1 Ring, e vorrei visitarne altri ma sono sempre preso da molti impegni, non mi occupo solo di fotografia sportiva ma anche di fiere, eventi, prodotti/aziendali, realizzazione siti web, marketing  e altro ancora ... e il tempo non è mai abbastanza.

Non è stato facile ottenere i primi accrediti nel 2014 ma l'importante è poi riuscire a farsi notare da qualche editore e da qualche Team anche attraverso una campagna di promozione personale ... come fanno i piloti che hanno bisogno di trovare sponsor per la propria attività ... se non ci si propone è quasi impossibile che qualcuno si faccia avanti anche pubblicando in blog e siti di fotografia scatti eccellenti.

Gli ultimi tre anni ho lavorato per editori e per sponsor di alcuni team, lavorando come freelance non riesco a coprire ulteriori richieste e preferisco far bene quello di cui già mi occupo, valutanto eventuali nuove richieste con la serietà che ritengo debba esser sempre messa come priorità in questo lavoro.